CATALOGO ASTA 90
ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA + DESIGN
05 DICEMBRE 2018

90



Hans Hartung

T1964-H28

Firmato e datato Hans Hartung 64 in basso a destra
Acrilico su tela
cm 65x105
Eseguito nel 1964

Provenienza: Galerie de France, Parigi, 1964;
Galleria Bergamini, Milano (come da certificato in cui è indicato come titolo dell'opera B 119)

Opera registrata presso l’Archivio a cura della Fondation Hans Hartung et Anna-Eva Bergman, Antibes

L’opera sarà pubblicata nel prossimo Catalogo ragionato delle opere di Hans Hartung promosso dalla Fondation Hans Hartung et Anna-Eva Bergman

Si ringrazia Jean-Luc Uro dell’Archivio curato dalla Fondation Hans Hartung et Anna-Eva Bergman, Antibes, per aver confermato per e-mail l’autenticità dell’opera

___

Figura centrale dell’Informale e dell’astrazione gestuale, Hans Hartung, iniziò già nel corso degli anni Venti ad elaborare una personalissima ricerca pittorica in cui l’elemento chiave era la macchia.
Dopo le vicende belliche della Seconda Guerra Mondiale, che incisero profondamente sulla sua formazione artistica, riprese il discorso interrotto negli anni precedenti, passando all’elaborazione di segni scuri sovrapposti ed interconnessi a superfici dai colori accesi e dalle tonalità sfumate. L’artista, infatti, attraverso l’avvicinamento di questi due elementi riusciva a mettere a fuoco il rapporto di tensione esistente tra colore e linea. Per lui la pittura astratta non era un semplice genere artistico, ma un vero e proprio linguaggio umano, l’esternazione attraverso i segni della propria esperienza di vita.
L’opera qui presentata illustra la tecnica più riuscita che l’artista ha iniziato a sperimentare all’inizio degli anni ’60. Realizzata nel 1964, T1964-H28 è un rilevante esemplare della produzione di questo periodo caratterizzato da raschiature nella pittura fresca che svelano lo sfondo della tela. Il dinamismo spaziale creato dall’alleanza del tratto e del colore viene rinforzato dai sottili raggi di linee nere dovute al procedimento che danno anche alla tela la sua profondità. Il ritmo molto sostenuto dei fasci colorati testimonia della grande tecnicità dell’artista: la luce attraversa una composizione in cui la gestualità non lascia nulla all’improvvisazione.

“Scarabocchiare, grattare, agire sulla tela, dipingere infine, mi sembrano delle attività umane così immediate, spontanee e semplici come lo possono essere il canto, la danza o il gioco di un animale che corre, scalpita o si scrolla. Una pianta che cresce, la pulsazione del sangue, tutto quello che è germinazione, crescita, slancio vitale, forza viva, resistenza, dolore o gioia possono trovare la propria incarnazione particolare, il proprio segno, in una linea morbida o flessibile, curva e fiera, rigida o possente, in una macchia di colore stridente, gioioso o sinistro”

Hans Hartung, Autoritratto, Edizioni GAM, Torino 2000

Stima

€ 120.000,00 - € 180.000,00

CONTATTA IL DIPARTIMENTO


Memmo Grilli

memmogrilli@blindarte.com
 

Assist

info@blindarte.com

NAPOLI | +39 081 2395261
assist@blindarte.com 

MILANO |
+39 02 36565440
assistmilano@blindarte.com